Cure naturali per i nostri cuccioli

Una breve guida per risolvere alcuni dei più frequenti malesseri dei nostri cani e dei nostri gatti. Dopo tutto se i rimedi naturali sono buoni per gli umani, opportunamente adattati devono andare bene anche per i nostri amici animali.

A cura della redazione 22 Sep 2017
Cure naturali per i nostri cuccioli

Se il cibo per animali non conosce crisi, quello che si chiama pet care, cioè i giochi, gli shampoo, e in genere i prodotti per la salute hanno conosciuto un vero e proprio boom negli ultimi anni, con una crescita del 40% dal 2007 al 2012 (fonte Euromonitor). Ben venga dunque uno shampoo naturale a misura di cane o un detergente specifico per i nostri gatti. Ma di molti piccoli disturbi ci possiamo prendere cura in prima persona efficacemente e senza spendere una marea di soldi.

I RIMEDI DI FIDO

Collare antipulci d'emergenza: come molti insetti, anche le pulci non amano l'olio essenziale di geranio. Qualche goccia sul collare terrà lontane le pulci per un po'. Anche gli agrumi hanno un effetto antipulci, e quindi passare uno straccio inumidito con acqua e succo di limone sul pelo del beniamino può aiutare non poco.

Pelle secca e irritata: ottima anche per gli animali la vitamina E. Esiste un composto oleoso che si compera in farmacia con il nome di tocoferolo o tococpheryl acetato. Se non ne dovessero avere anche le capsule di vitamina E vanno bene, e spesso si trovano anche al supermercato, nel banco degli integratori. La vitamina E idrata, lenisce in caso di irritazione ed è un ottimo antirughe naturale per la cute di Fido.

Vomito e diarrea: proprio come noi umani hanno bisogno di molta acqua per reidratarsi. E spesso anche in questo caso dello yogurtmescolato alla pappa, aiuta a ripristinare l'equilibrio intestinale.

 

I RIMEDI DI MICIO

Antipulci e anti insetti: in questo caso la risposta si chiama Nepeta cataria. È l'erba gatta, i felini ne vanno matti anche perché regala loro un certa ebbrezza. Fra le erbe è però scientificamente conosciuta anche per le sue proprietà anti-zanzara. È sgradita agli insetti. E così, gratificandosi, i gatti si proteggono anche dai parassiti. In alternativa si può mescolare una punta di lievito di birra alla pappa del micio.

Irritazioni: niente creme odiatissime dai nostri amici felini. Piuttosto della camomilla, specie per le irritazioni agli occhi: un po' di infuso su un batuffolo di cotone può portare sollievo. In alternativa, proprio come facciamo noi umani, si può utilizzare la bustina usata e ancora umida.

Palle di pelo: il primo rimedio è spazzolarlo spesso, passando poi un panno umido, evitandogli di ingoiare troppi peli. Il secondo è aggiungere una goccia d'olio al cibo.

Reni e vescica: questo genere di problemi sono purtroppo abbastanza frequenti fra i gatti. In questo caso il succo di mirtillo senza zucchero può essere d'aiuto perché aumenta l'acidità delle urine e riduce di conseguenza la possibilità di formazioni di calcoli e infezioni delle vie urinarie. Se, come probabile, i nostri amici pelosini non lo gradiscono, possiamo aggiungere dell'estratto di mirtillo in polvere alla loro pappa.

DBN Magazine Partner

Articoli correlati

  • Cure naturali per i nostri cuccioli Acqua: tra mito e realtà

    Elisir di bellezza, in grado di illuminare la pelle e di snellire il corpo, l'acqua ormai è considerata una panacea per molte imperfezioni. Ma è sempre vero? Ci siamo chiesti cosa c'è di vero in tutto questo e abbiamo fatto una piccola indagine... Ecco le nostre verità.

  • Cure naturali per i nostri cuccioli Un'antica storia di colori naturali

    Conosciute e adoperate sin dalla preistoria, le piante tintorie costituiscono una riserva di coloranti naturali poco utilizzata nel ciclo produttivo industriale per via della bassa resa produttiva, ma altamente conveniente per l’impatto ambientale e per la salute. L’attuale Politica Agricola Comune (PAC) ne promuove l’utilizzo e lo sviluppo con piani di produzione multifunzionale, mirati ad evitare il sovrasfruttamento di una risorsa / prodotto in un unico comparto produttivo (ad esempio le piante officinali come mera produzione alimentare). Anche per questo motivo, la superficie di terreno agricolo convertita alle erbe officinali, soprattutto in aree ad agricoltura avanzata, è in aumento e si stima che interessi circa 70.000 ettari del territorio europeo dei quali, secondo i dati forniti dall’ultima grande ricerca IFOAM (2008), 29.054 ettari sarebbero condotti secondo le regole dell’agricoltura biologica. In Italia, le specie maggiormente coltivate sono frassino da manna, iperico, lavanda, liquirizia e menta piperita.

  • Cure naturali per i nostri cuccioli Passo dopo passo... In camminata nordica

    Camminare, attività ritenuta da molti noiosa e ripetitiva, sembra aver trovato nuovi adepti grazie all’aiuto rappresentato dai bastoncini: uno sport sano, tra beneficio fisico e contatto con la natura.

Contatti

Via Taormina, 11 - 20159 Milano
Mobile: 3927293728

Resta in contatto:

Informazioni:

Copyright © NaturalMag. Tutti i dirittti sono riservati.
E' vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione della casa editrice.
Designed by Movie&Web