Simpatico burro di chiuri

Cresce nelle montagne fra India e Nepal e solo recentemente è stato scoperto dalla cosmetica occidentale. Antiossidante, idratante, nutriente, fa bene alla pelle e alle popolazioni che lo coltivano, grazie a specifici progetti equosolidali.

A cura della redazione 04 Oct 2017
Simpatico burro di chiuri

Nell'elenco degli ingredienti lo riconoscerete dalla scritta Diploknema Butyracea. È il burro di Chiuri, ottenuto dai semi di una pianta che cresce solo in un piccoli territorio compreso fra India e Nepal. È ricco in acido palmitico e quindi solido e si miscela spesso ad altri burri. Contiene un alta percentuale di interessanti flavonoidi, soprattutto quercetina e campferolo, dall'elevato potere antiossidante. È bianco e profumato all'estrazione, cosa che ne facilita l'uso in cosmetica, settore in cui è entrato recentemente. In Italia l'utilizzo non supera i 6-7 anni.

Prezioso per la pelle, lo è altrettanto dal punto di vista umanitario, perché la sua coltivazione sta contribuendo a ridare dignità e speranza a uno dei popli più negletti del mondo: i Cepang, un'etnia marginale e quasi disprezzata dai conterranei per la sua arretratezza. Per questa popolazione il Chiuri è sempre stato un albero sacro e nella loro cosmologia svolge un ruolo centrale. Il burro è il rimedio popolare per i problemi della pelle, ma è anche utilizzato per nell'alimentazione, e per fabbricare candele votive, visto che bruciando non puzza e non fa fumo. Hanno almeno 32 nomi diversi per descrivere l'albero a seconda del tempo di fioritura, del colore del frutto, delle foglie, del tronco, dei rami e dei semi, della forma del tronco e dei rami, della dimensione della consistenza, del sapore e dell'odore del frutto, della produttività e della posizione dell'albero. La scoperta e valorizzazione del Chiuri da parte della cosmetica occidentale ha ridato dignità ai Cepang, ha migliorato la loro autostima e, attraverso alcuni progetti umanitari, ha migliorato anche le loro condizioni di vita.

DBN Magazine Partner

Articoli correlati

  • Simpatico burro di chiuri Maschera viso all'aglio orsino

    L’aglio orsino vanta innumerevoli proprietà: depurative, antisettiche, antiasmatiche, ipotensive, diuretiche, vaso-dilatatrici, febbrifughe. Utilizzata dall’industria farmaceutica principalmente per repellenti e disinfettanti, è molto conosciuta anche in cucina e utilizzata come erba aromatica (al posto di aglio, cipolla e porro) per il suo odore pungente.

  • Simpatico burro di chiuri Acqua: tra mito e realtà

    Elisir di bellezza, in grado di illuminare la pelle e di snellire il corpo, l'acqua ormai è considerata una panacea per molte imperfezioni. Ma è sempre vero? Ci siamo chiesti cosa c'è di vero in tutto questo e abbiamo fatto una piccola indagine... Ecco le nostre verità.

  • Simpatico burro di chiuri Etichetta trasparente

    Sono sempre più diffusi gli agenti chimici nell’utilizzo cosmetico per la preparazione dei prodotti. Un cosmetico biologico certificato garantisce naturalmente l’assenza di alcune sostanze, di solito presenti in etichetta nei cosiddetti prodotti convenzionali, che possono avere spesso effetti non proprio benefici sulla nostra salute. Impariamo a conoscerli poco per volta, secondo la nomenclatura INCI, standandard di riferimento per il labeling cosmetico.

Contatti

Via Taormina, 11 - 20159 Milano
Mobile: 3927293728

Resta in contatto:

Informazioni:

Copyright © NaturalMag. Tutti i dirittti sono riservati.
E' vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione della casa editrice.
Designed by Movie&Web